Massaggio Tantra

Cosè il Tantra?

Si ipotizza molto sull’antichità e sulle origini del Tantra, quello che sappiamo per certo è che la maggior parte degli specialisti colloca la culla del Tantra nelle città di Mohenjo-Daro e Harappa , nell’antica Valle dell’Indo, l’attuale Pakistan, nel V secolo AVANTI CRISTO

Successivamente si sviluppò attraverso gli attuali stati del Kerala, Assam, Bengala e Kashmir, il Tibet, diffondendosi infine in tutta l’Asia, e anche nell’Europa orientale.

Spiegare a parole cos’è il Tantra non è un compito facile.

Il Tantra potrebbe essere definito come un percorso di conoscenza di sé, esplorazione e ricerca, è un percorso che ti porta a riconoscere la tua vera essenza liberatrice e spogliando tutte le credenze limitanti dell’ego che influenzano la tua vita, prove e pre-giudizi, religiosi , insegnamenti sociali, culturali… È un percorso che ti porta a riconoscere la Realtà Ultima, la grande Liberazione, l’Illuminazione.

Uno dei punti principali del Tantra è l’uso dell’Energia Sessuale, Kundalini, come espressione della divinità interiore. Attraverso il piacere e la gioia, il risveglio dell’Energia Sessuale, l’essere umano può armonizzare e unificare la sua dualità interna, energia maschile ed energia femminile, connettendo così la coscienza individuale Shakti, con la Coscienza, la Saggezza Suprema, Shiva, raggiungendo profondi stati di estasi, di connessione con se stessi, con gli altri e con l’esistenza stessa.

Ma il Tantra va oltre, il Vigyan Bhairav ​​Tantra, un testo sacro reso popolare dal mistico Osho , contiene 112 meditazioni che Shiva , il principio maschile, offre a Shakti , il principio femminile, come risposta alle sue diverse domande sull’amore . , morte, coscienza… Sono tecniche meditative in modo che Shakti possa sperimentare la risposta in se stessa. E solo 6 di queste meditazioni fanno riferimento diretto all’incontro sessuale.

Per questo il Tantra può essere definito anche come un insieme di tecniche che mirano a smantellare la mente, smantellare l’Ego.Lo scopo del Tantra è avvicinarci alla nostra vera essenza, al nostro vero Sé, aprendoci alla vulnerabilità, arrendendoci all’Amore, donandoci completamente alla vita, fiduciosi e gioiosi, rendendoci consapevoli del nostro potenziale interiore e della divinità . È una nuova visione di noi stessi, delle relazioni con gli altri, con la natura, con il piacere… una comprensione e comunione con tutto ciò che NON passa attraverso la comprensione mentale e intellettuale delle tecniche stesse, ma attraverso la sperimentazione attraverso il corpo, attraverso la trasmutazione e sublimazione di tutti i nostri oscuramenti e istinti primari in Compassione, Accettazione e Amore, assorbendo ogni esperienza nel cuore.

A causa della sua espansione in tutto il mondo e della repressione esercitata in molte epoche passate da invasori di diverse etnie e religioni, il Tantra è passato dall’essere un pilastro della società, della cultura e della conoscenza del tempo, ad essere proscritto e perseguitato, relegato alla pratica segreta di trasmissione diretta da maestro a discepolo. Si formano così più scuole molto diverse, alcune anche contraddittorie, ma che possono essere raggruppate in due linee principali: la linea bianca, sottile, meditativa e dei rituali simbolici come il buddismo tantrico e la linea rossa , diretta, sessuale e di rituali fisici come il Tantra Shivaíta o il Tao sessuale.

Il Tantra, indipendentemente dalla linea o dalla scuola che si segue, è un viaggio interiore, verso il cuore e l’incontro con la tua vera essenza: la libertà del tuo Essere.

 

OSHO

Il Tantra è la via della totalità: né ossessionarsi dal mondo, né sottrarsi ad esso. È stare nel mondo con leggerezza, con un lieve sorriso. È un gioco. Il Tantra non prende le cose sul serio. È luce di cuore; Serie. È spudoratamente terreno e infinitamente trascendentale. Terra e cielo si incontrano nel tantra;

Il massaggio è una delle più belle forme di comunicazione tra innamorati, rilassa e sensibilizza, benedice e purifica. È una danza estatica che avvicina le persone alla loro forma divina originale. Un rituale di adorazione al corpo che ci permette di provare la gioia più sublime di tutte, di sentire l’Amore.

Una delle pratiche più comuni nel tantra è avvicinarsi all’altro attraverso il tatto. Attualmente, e a causa della grande repressione sessuale che subiamo da centinaia di anni, toccare è diventato sessuale, abbiamo paura di essere toccati, di essere invasi, di non essere rispettati.

Le relazioni sessuali odierne sono superficiali e meccaniche, prive di presenza e di vera intimità. Il nostro corpo è sempre più teso, più doloroso, più chiuso. I nostri chakra e nadi sono saturi di ricordi stagnanti ed energie dense e i nostri poli energetici sono sovrastimolati e desensibilizzati.

In generale, la nostra sessualità è insoddisfacente e mediocre.

Il massaggio, pratica comune a tutte le tradizioni (cinese, tailandese, ayurvedico…), è noto per i suoi ampi benefici non solo per il corpo, ma anche per il benessere emotivo e mentale, poiché provoca lo scioglimento delle tensioni fisiche , ha raggiunto un grande rilassamento e quindi uno stato di meditazione.

Nel Tantra , il massaggio comprende tutti gli aspetti dell’essere umano: fisico, energetico, emotivo, mentale e anche l’aspetto sessuale. Il massaggio tantrico abbraccia anche la sessualità attraverso l’inclusione del massaggio nella zona genitale come parte essenziale dell’essere umano. Non lo nega, non lo respinge, non lo evita, lo accoglie con delicatezza e amore.

Attraverso lo Yoga del Tocco o Tocco vuoto di intenzioni , e affidandoci alla respirazione consapevole, cerchiamo di portare presenza in ogni zona del corpo, rilassandola e ridando flessibilità e vitalità, permettendo lo scioglimento di tensioni e nodi energetici, e facilitando la libera circolazione dell’energia in tutto il corpo.

Questo genera un grande rilassamento fisico e mentale, preparando la persona a ricevere l’ Energia Sessuale che si risveglia durante il massaggio nella Zona Sacra: massaggio Lingam (genitali maschili) e massaggio Yoni (genitali femminili). Con l’aiuto della respirazione, l’energia sessuale si espande attraverso il corpo, degenitalizzandolo e dirigendolo attraverso il canale centrale ad Anahata , il quarto chakra. In questo modo si ristabilisce il legame e la connessione tra la sessualità e il cuore e la sua essenza, e ci facilita l’ingresso in stati espansi di coscienza e meditazione profonda.

< Ritorno